bookapoem

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
banner bookapoem

Ostinata mente

13,00 

di Marco Rossello
73%
40 copie
all´obiettivo
40
Giorni rimasti
Inizio campagna 16 febbraio 2024
Fine campagna 26 maggio 2024
Quantità
Modalità di spedizione
Consegna prevista per luglio 2024.
La spedizione avverrà tramite corriere espresso.
Spedizione gratuita per gli ordini nazionali da 3 copie in su (escluse zone di spedizione speciali).

Sono nato a Finale Ligure nel 1984.  

Vivo in una casa immersa tra alberi e rocce, riesco a vedere anche il mare da lassù. Sono figlio di Giancarlo e Rosa, marito di Sabrina, padre di Adele, amico – per fortuna – di molti. Ho passato gran parte della mia giovinezza dedicandomi allo sport, allo scoutismo e allo studio. Dopo aver conseguito la laurea in archeologia medievale ho lavorato sul campo per tre anni. Circa undici anni fa varie difficoltà mi hanno imposto di cambiare rotta; ho quindi indirizzato le energie verso l’altra mia grande passione, l’educazione, concetto dai molti volti: la comunità educativa, la laurea in pedagogia, la casa famiglia, le case di coloro che non sono intercettati dai servizi territoriali perché “troppo poco problematici”, la scuola secondaria di secondo grado; disturbi legati all’abuso, autismo, psicosi, disturbi dell’apprendimento, disagio emotivo, traumi transgenerazionali…Ho trascorso il tempo accumulando luoghi, conoscenze, esperienze, volti e gesti che oggi strutturano la mia professionalità come educatore e insegnante di sostegno, ma, prima di tutto, la mia identità.  

Il progetto letterario che mi accingo a presentare avrebbe un volto e un impatto ben diversi se fosse privo delle immagini di Manuel Bernabò: artista, restauratore di opere pittoriche, illustratore della rivista “Giochiamo”, docente di arte e di sostegno presso la scuola secondaria di primo grado, caro amico con il quale ho condiviso chilometri di strada e l’impegno in ambito educativo. 

L’opera“Ostinata mente” è un libro che nasce da un’esperienza di tre anni come educatore professionale all’interno di una comunità educativa per minori. È una raccolta di poesie attraverso la quale cerco di soddisfare due bisogni: il bisogno di interpretare un vissuto che ancora oggi mi insegna – imponendolo – il decentramento, un “Noi” urlato, spesso scomodo, ma fondamentale per accedere alle trasformazioni che caratterizzano il vivere. Il bisogno di fare memoria, di assecondare la consapevolezza che le vite dei bambini e dei ragazzi che ho incontrato non devono essere dimenticate. Nel loro piccolo, infatti, questi testi vogliono essere un antidoto all’invisibilità nella quale storie come le loro piombano inevitabilmente perché troppo cariche di dolore, troppo incomprensibili: una superficie contro la quale la mente non vorrebbe scontrarsi.

La raccolta, capitolo dopo capitolo, tenta di ri-costruire una comunità ideale dove emergono più voci e stili: esistenze complicate, corpi violati, spiriti impauriti e confusi dal dolore, ma tutti pervasi dal desiderio di reagire alle avversità e di rimanere saldamente aggrappati al loro legittimo – e umano – bisogno di essere visti e compresi. 

Perché ho scelto di pubblicare con BookapoemHo scelto di pubblicare con Bookapoem in virtù della fiducia che è stata accordata al mio modo di sentire e di scrivere. In secondo luogo credo sia importante mettere in evidenza la volontà di fare rete – con gli autori e con i lettori – propria di questo gruppo di lavoro impegnato a curare la qualità del dialogo.

 

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors