bookapoem

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Immagini dimensione 3393x2262 px (1)

Il mio amico immaginario è Bukowski

13,00 

di Julia Giorgetti
13%
131 copie
all´obiettivo
52
Giorni rimasti
Inizio campagna 28 febbraio 2024
Fine campagna 7 giugno 2024
Quantità

Modalità di spedizione
Consegna prevista per marzo 2024.
La spedizione avverrà tramite corriere espresso.
Spedizione gratuita per gli ordini nazionali da 3 copie in su (escluse zone di spedizione speciali).

L’autrice

Nata in Argentina nel ’96, cresciuta in Italia, dall’età di 5 anni, per la precisione la Toscana mi ha adottata.

Dalla materna all’università di neuropsicologia, sono ancora sui libri. Diciamo che il mio amore per i libri nasce appunto dall’infanzia, la scrittura invece, nasce da dopo il primo cuore spezzato. Ho sempre lavorato da quando avevo 16 anni, facendo ogni tipo di mestiere. Ho sempre voluto la mia indipendenza e tutt’ora si lavora per mandare avanti il mio obiettivo di diventare neuropsicolga. Amante della libertà e del “chissà che succede se…”, ho vissuto un anno a Roma, un anno in Olanda e 4 anni in una città sul Golfo del Sole. Mi considero un viandante, un’esploratrice e a volte, per non ricercare dalla vita ciò che cercano tutti gli altri, mi sono sentita spesso un piccolo “alieno”.

I miei genitori, Marcelo e Bibiana, sono coloro a cui devo la mia persona, a cui devo tutto. Cresciuta nella semplicità e nei bellissimi valori che mi hanno insegnato nel dare alla vita, sono grata di essere chi sono.

L’opera: 

Ho adorato l’idea di personificare alcune emozioni, di metterci dentro la vena sarcastica, cruda e addirittura sessuale di Bukowski, i miei dialoghi immaginari  con lui, ed anche quella sana e diabetica poesia, di quella che ti esce fuori quando sei innamorato.

Leggere questo libro è provare dolore, amore, speranza, gratitudine ed è un biglietto d’ingresso dritto nella mia testa.

Da poesie d’amore o di dolore a racconti brevi sui miei incontri con strane creature, questo libro è un viaggio, un viaggio tra le nuvole, tra le stelle, tra sensibilità ed emozioni. Perché credo vivamente che ci sia bisogno di sensibilizzare un po’ questo mondo, di rendere più umana l’umanità.

Non credo che cambierà il mondo questo libro, no. Mi piace rimanere con i piedi per terra. Ma adoro sognare.

E se questo libro potesse sfiorare anche una singola anima, vi direi che il mio compito è stato ben eseguito.

Perché ho scritto quest’opera? 

“Chiedere ad uno scrittore, non che mi reputi tale, il “perché” di un libro è veramente strano. Mi fa sentire strana. È una domanda bizzarra.” Pensai sorridendo, mentre leggevo la domanda.

È nato come nasce un arcobaleno, come nasce un fiore o una stella. C’è una spiegazione dietro, ma raccontarla leva tutta la sua magia. Il perché è dentro al libro.

“Lo leggeranno Charles?”

“L’importante che lo hai scritto e lo hai finito. Sei soddisfatto?”

“Lo sai meglio di me che nessun artista sarà mai soddisfatto della propria opera, alla fine, l’arte non deriva dalla felicità. Ma posso dire che è un bel pastrocchio questo libro, spero di trovare un altro alieno come me”

Perché ho scelto di pubblicare con Bookapoem?

Ho trovato questa meravigliosa casa editrice navigando online e per pura curiosità sono andata a sbriciare qua e là.

Le loro idee e la loro strategia di marketing sono veramente innovative, avevamo bisogno di una rivoluzione nel settore dell’editoria e i ragazzi ci sono riusciti pienamente. Disponibilità e trasparenza fin dall’inizio e questo mi ha rassicurata molto.

La campagna di crowdfunding è un ottimo progetto per far interagire più persone possibile al libro, rimanendo nella “tradizione” del passaparola con il tocco moderno dei social media e pubblicandolo online.

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors